lunedì 29 marzo 2010

cronache di una nonna ( Mamma che ridere! Anche no )

Non so se questo sia trapelato dai miei post, ma mia madre è una tipa un po' particolare.

La regola numero uno per andar d' accordo con lei è: non contraddirla MAI. Nemmeno in pericolo di vita.

La seconda regola è informarsi sulle sue idee, sui suoi gusti, sui suoi modi di fare, in modo da assecondarla SEMPRE. Anche in pericolo di vita.

A questo punto, una volta che si hanno bene in testa questi due principi fondamentali, le si può affidare il proprio figlio mettendo anche lui al corrente di quanto sopra. Io l' ho fatto da quando Francesco aveva 14 mesi.

Lei gli ha dedicato veramente tutta se stessa, ha dimostrato di avere molta pazienza e di saperci fare con lui.

Ogni tanto lui si dimenticava dei due principi fondamentali per andar d' accordo ( come biasimarlo? succede spesso anche a me ). Per questo capitava che io chiamassi mia madre per sapere come stava procedendo la giornata e lei mi rispondesse:

" Sono MOLTO arrabbiata con TUO figlio" ( il maiuscolo sottolinea il tono di voce che si alza )

"Ma perchè? Cos' è successo??? "

" GLI HO DATO UNA COSA E NON VUOLE DIRMI GRAZIE!!! Sono già due ore che insisto!"

"Ma mamma, non ha nemmeno due anni!"

"Non m' interessa! OK? Deve imparare da SUBITO!"

"Ok." ( Ah, sì ... regola numero uno: Non contraddirla MAI. Numero due: assecondarla SEMPRE )

Per non parlare del risvolto politico: ci manca poco che torni a casa e assista ad una lezione di mia madre che indottrina Francesco mostrando il busto di Berlinguer. Se fosse stata una femmina, poi, avrebbe già applicato un garofano rosso al cerchietto.

E le chicche quotidiane? Da non perdere. Tra le più recenti, una è quella della crema autoabbronzante della Johnson's ( che mia madre pensava fosse una crema idratante per bambini perchè secondo lei la Johnson's non può permettersi di spaziare in altri campi ) che ho raccontato in un commento qui.

Un' altra è questa: esiste un prodotto Amuchina che serve a disinfettare ciucci, biberon, ecc. che io non usavo da secoli perchè ormai mio figlio non usava più né ciuccio né biberon. Ultimamente, però, Francesco ha ricominciato a volere il latte nel biberon la sera. Un giorno della scorsa settimana, mia madre decide di disinfettare il biberon. E cosa fa? Non prende il prodotto giusto, no! Ma un altro della stessa marca che serve a disinfettare i fornelli piuttosto che il lavandino o altre superfici lavabili. Un detersivo, praticamente. Uno di quelli tipo sgrassanti o disincrostanti, per interderci. Anche disinfettante, però .. .eh?

Per la serie, chissà cosa si è bevuto Francesco nel latte ultimamente.

Ho preferito chiudere un occhio, piuttosto che combattere una guerra persa in partenza contro qualcuno che mi avrebbe sicuramente cercato di convincere che quello era il prodotto giusto.

Se però penso che mi impegno per far vivere Francesco in un luogo poco inquinato, coltivando verdure nell' orto senza alcun tipo di conservanti e concimate con la cacca del Twenty Millions , allora .... beh, allora m' incazzo. Ma che ci posso fare? Nulla. Se non cestinare quel prodotto e sperare che mia madre non passi al Chillit Bang.

Avete affidato anche voi i vostri bambini a queste sante, indispensabili, ma allo stesso tempo matte, imprevedibili nonne? Ma soprattutto, sono tutte come mia madre?????


p.s. che nessuno che conosce mia madre OSI raccontarle di questo post. A meno che non voglia vedermi morta.

5 commenti:

supermamma ha detto...

troppo forte tua mamma sei fortunata ad avere lei che ti può aiutare ma metti sotto chiave il detersivo ;-)

VerdeSalvia delle colline di Firenze ha detto...

Quando è nata Claudia mia madre aveva 80 anni. Quindi lascio immaginare chi ha guardato chi.
Avrei pagato pur di avere qualcuno che di tanto in tanto desse a mia figlia un bibe di Lysoform o lo avesse spalmato di Cif Ammoniacal.
Ho dovuto far tutto da sola, Cif & Lysoform compresi... ;)
DaniVS

VerdeSalvia delle colline di Firenze ha detto...

Ho vinto!!! Volevo mandarti una mail, ma non ho il tuo indirizzo, e non posso rispondere al tuo commento perchè è un no-reply-comment!
Comunque, pannolini a go-go!!!

Sonia Luna ha detto...

Si, Supermamma ha ragione, nascondi detersivi e sostanze chimiche per il bene di tuo figlio e la tua sanita' mentale!
Mi sono fatta una bella risata con questo post ... me la immagino proprio! Tu pero' vivi una vita pericolosa, sul filo del rasoio ... speriamo che tua mamma non lo venga a sapere che scrivi queste cose su di lei su tutto l'internet!

Mam Maria ha detto...

La mia cara mamma una volta ha lasciato GiuliaCamilla dal meccanico perché doveva andare a comprare le sigarette e si vergognava molto a portare una bambina dal tabacchino. Così il meccanico, che è anche il fidanzato di mio nonno, l'ha fatta giocare con i suoi attrezzi e alla fine giuliacamilla era tutta sporca di olio da motore tanto che quando la nonna è andata a riprendersela, le è schizzata via dalle mani perché era molto unta ed è finita sul sedile di una fiat punto che il meccanico amante del nonno stava elaborando.
Per fortuna non è successo niente e come molte di voi sanno i sedili delle fiat punto sono estremamente confortevoli anche per stare orizzontali ;-)
mammacheridere
voi bloggher siete troppo simpatiche mi fate voglia di diventare simpatica come voi.
però forse le mie sono storie troppo banali.
concludo con una domanda: la torino-genova è più lunga o corta della salerno reggio calabria, perché le mie storie mi ricordano più quello e non vorrei non essere adatta alla vostra simpatica compagnia
Mam Maria