mercoledì 16 febbraio 2011

La giostra della moda

A proposito di donne pesanti .
Questa mattina è arrivata da noi una delegazione di un' importante casa di moda (per intenderci, quella delle miriadi di borse con il monogramma stampato che si vedono ovunque. E che a me piacciono vintage).
Tutti con un bell' accento. Chic. Sì, insomma, molto francesi, dai. Soprattutto il ragazzo occhialuto, gran bel tipo.
Oltre a loro - tutti concentrati nella mattinata - arrivavano clienti da ogni dove.
"Questa campagna vendite s' ha da finire il prima possibile."
'Che bisogna consegnare in fretta, i negozi devono vendere subito, noi dobbiamo incassare, i soldi devono girare, la tendenza si deve lanciare, il marchio ri-lanciare.
Mi rendo conto che ci sia qualcuno che forse è messo peggio di me in ufficio, ma a volte mi sento su una giostra - quella con i cavalli, che è la mia preferita - che va veloce e mi nausea.
Magari son scema (bella questa!) e non mi rendo conto che forse si sta meglio chiusi tra queste quattro mura imbellettate a vendere vestiti che costano un sacco di soldi.
Tanto quando si esce la sera basta strizzare gli occhi (sapete che io uso questo metodo) per non pensare che dentro lì si corre tutti come dei matti solo per prendere il codino della giostra (ci fossi riuscita una volta, io).
La tv, la sera, non si accende. Tanto le notizie arrivano con i tweet, ora. Senza fronzoli, ma a volte con.
Si leggono le favole.
Alla fine sulla giostra bisogna salirci. Sperando di divertirsi il più possibile. Che poi dalla giostra si può anche alzare il dito medio e mostrarlo passando, giro dopo giro.
No, in effetti, questo non sarebbe in linea con il mio portamento chic. Eventualmente, potrei lanciare baci volanti (in cui il dito medio sarebbe, come dire, latente...).


foto scattata a Mirepoix , Francia. Gran bel posto.

13 commenti:

Carpina ha detto...

Bè, si capisce che soffri per certe frasi, tu, che sogni un mondo senza soldi, ma ben vestito e abbinato!

il dito medio latente è una trovata affascinantissima, fossi in te, la brevetterei! ;)

ma lo sai che la giostra coi cavalli, è il disegnino che ho scelto per l'invito alla festa di Mattia?? :) Vieni sul blog, l'ho pure pubblicato ;))

ps - fammi capire la foto: sei salita sui cavalli piccolini, per i bambini??? :D (sempre ben vestita però!)

PaolaFrancy ha detto...

il dito medio latente è già in atto...:-)

sì, sono salita sulla giostra dei bambini...non ho potuto resistere e mi sono sparata 3 giri...:-D

caia coconi ha detto...

che meraviglia quella gonna!!!
anch'io ho una foto su una giostra simile... la devo ripescare!

PaolaFrancy ha detto...

@caia: gonna vintage :)

pollywantsacracker ha detto...

dio, queste metafore mi fanno impazzire: salire sulla giostra perchè ci tocca, e mostrare il ditino. mi piace, mi piace. in attesa di mollare tutto e aprire una casa famiglia per baby prostitute in brasile (te l'avevo mai detto che da grande, sistemate le bambine, voglio mandare affanculo il sistema? scendendo dalla giostra, con il dito medio bello in mostra)

PaolaFrancy ha detto...

oh, sì...che bello mandare a fare in culo il sistema alzando il dito medio e sorridendo.......

Ilaria Pit-Lane ha detto...

Ho anche io la foto sulla giostra...francese anche la mia: Lione, Marzo 2005! :)
In questo periodo la mia giostra non si ferma e va veloce veloce...ma il tuo consiglio è veramente da brevettare! :)

Ilaria

bismama 2.0 ha detto...

Ora, con la frase delle borse vintage, ho capito molte cose ;-)))
Il mio dito medio latente è sempre in atto. Chissà com'è !!!

lamelannurca ha detto...

mi piace questo club del dito medio latente :-) mi associo!
La mia giostra è Parigi, sotto Montmartre..

Occhi di Gatto!! ha detto...

una ragazza chic nn si dovrebbe smentire mai , e questo effetto vedo o nn vedo del dito medio è una trovata grandiosa!!!!!


se ti va di venirmi a trovare :
http://wwwvieniavanticretino.blogspot.com/

Mamma Cattiva ha detto...

Io commento poco ma leggo sempre, eh?

Valentina ha detto...

Ma perché invece non mandare affanculo il sistema PRIMA di "essere grandi con le bambine sistemate"??
Anche se volesse dire rinunciare all'ufficio dalle pareti imbellettate e accontentarsi di un altro lavoro meno à la page, forse ne varrebbe la pena...e i nostri medi ringrazierebbero, al posto di rischiare una paresi come ora ;)

PaolaFrancy ha detto...

Cara Valentina,
Ti rispondo perchè anche io - forse - mi porrei le stesse domande.
Lavoro lì perchè quello è il lavoro che so fare e che faccio da tanti anni e non perchè è à la page.
Quando si ha esperienza in un campo, sai benissimo che non è semplice cambiare.
Non mi mantiene nessuno e sono separata. Non posso permettermi di mandare il sistema a fare in culo.
Farlo prima? Beh, ormai è andata così...
Paola