venerdì 23 aprile 2010

dorate coincidenze

La vita di campagna fa proprio per me. Ma devo ammettere che il richiamo di quello che ero prima al cento per cento - della citta', dei locali, del casino, della moda - a volte si fa sentire. Sceglie modi tutti suoi.

Ci sono momenti in cui vorrei catapultarmi nel centro di Milano e comprare comprare comprare. Questo e' strano, calcolando che tutto cio' che va di moda a me di solito non piace. E che faccio shopping compulsivo solo nei mercatini vintage.

Ci sono altri momenti in cui la moda - e tutto quello che ci gira intorno - bussa piano alla mia porta, trovandola per caso. E poi, giorno dopo giorno, contatto dopo contatto, prende spazio sul divano della veranda e si accomoda educatamente bevendo il rhum del Moschettiere.

...

Qualche settimana fa Tosca & Nella ( come poteva chiamare il Moschettiere due sorelle maremmane, se non in questo modo? ) decidono di scappare per la novantesima volta. Disperato, il Moschettiere vaga tra le colline senza avvistare nulla. Finche' non riceve la telefonata di un signore che dice di averle trovate e ospitate nel suo giardino.

Tralasciando le avventure che sono seguite, il tal signore e la sua famiglia si sono rivelati dei personaggi alquanto interessanti.

Non solo cantano gli Abba - e questo gia' fa acquistare 1000 punti - ma sono anche belli, simpatici, piacevoli e, soprattutto, responsabili di un meraviglioso progetto chiamato HORO.

Qui trovate solo parte di quello che e' sortito dalla mente diabolica di un ragazzo che ha pensato di stampare oro zecchino e altri metalli preziosi su tessuto. Un ragazzo a cui la Wintour regalerebbe 100 redazionali in un solo numero di Vogue, se vedesse quel suo sorriso tipo Tom Cruise in Cocktail. Per ora lui si "accontenta" di sbaragliare la stampa italiana. E di bussare. In alto.

Io non vedo l' ora di indossare una t-shirt in cotone ( rigorosamente bio ) screziata d' oro. In pieno giorno, con i jeans strappati e i piedi nudi. Non nel parco ... nel bosco. Da queste parti - lo sapete - si usa cosi'.

p.s. E non e' una marchetta, questa. E' solo una dorata coincidenza, visto che i nostri cuccioli si chiamano proprio Oro e Argento. Ottone si e' trasferito da amici. E Blu? Beh, Blu in realta' non e' un cane. E' una foca.

12 commenti:

Yaya ha detto...

E' sempre tanto bello leggere i tuoi post pieni di poesia!

Silvietta ha detto...

molto molto molto affascinante, donna mia: la moda decisamente bussa alla tua casa!
e non solo: lo stile che traspare dalle tue parole talvolta mi accompagna nel quotidiano e mentre mi specchio nelle vetrine penso "mmhm ma oggi, alla PaolaFrancy, piacerei o sembrerei scialbetta"?
potere delle parole ...

a presto, dai,
Silvietta

p.s. ma sai che la carica che hai messo nell'ultimo commento da mammacattiva mi ha scrollata? a volte sono anch'io così ma è la prima volta che lo vedo "applicato" a qualcun'altro e ... bè, mi sei proprio piaciuta!

VerdeSalvia delle colline di Firenze ha detto...

Ma che fiuto, e che gran gusto, la Nellina e la Tosca a rifugiarsi proprio da cotanti ospiti!
Non c'è che dire, la classe non è acqua, ed in casa vostra anche i cani ne hanno da vendere...
Bye!
DaniVS

PaolaFrancy ha detto...

@yaya: non ewsagerare ...

@silvietta: ma dai, non ci credo che a volte ti vengo in mente quando ti specchi!!! guarda ... se vuoi un consiglio: semplicita', semplicita', semplicita'. secondo me il gusto sta nel non eccedere. perche' per eccedere con gusto bisogna averne proprio tantissimo e, comunque, anche chi ne ha tanto, rischia di strafare.

per quanto riguarda il commento da mammacattiva: sai, da fuori e' facile parlare ... visto che anche io sono una da pippe mentali giganti, mi viene naturale spronare gli altri a non farsele!


@verdesalvia: eh, si' ... Tosca e Nella hanno avuto gran fiuto! sono delle intenditrici ...

Mamma Cattiva ha detto...

Mi è venuta voglia di fare shopping in viaggio con Paola e Silvietta, fate voi...
Voglio (non si dice voglio si dice vorrei) una foto della maglietta dorata e poi tu sei un po' un Re Mida della moda. Indichi con il dito ed ecco trasformarsi ;)

minerva ha detto...

Non so se oltre alla casa degli spiriti della Allende hai anche letto d'amore ed ombra, sempre della stessa autrice. Ecco, tu mi ricordi da pazzi la protagonista femminile. Un incrocio fra la bucolica immagine dell'innocenza e una donna piena di chincaglierie e ninnoli fatui, che ama circondarsi di gente ed al tempo stesso rifugge dai grandi afflussi di persone... Se non lo hai letto, leggilo!
baci
Minerva

PaolaFrancy ha detto...

@minerva: cerrrto che l' ho letto! e tio ringrazio per il complimento ... amo i personaggi dell' allende! lei vecchia maniera era una delizia. purtroppo e' cambiata da quando vive negli stati uniti ... la sua terra e la storia del suo paese le davano qualcosa che ora ha perso ( secondo me )

prova la roy, fidati. e' veramente magica.

bacio,paola

valewanda ha detto...

e dov'è il link di questo bel progetto? Baci, Vale

PaolaFrancy ha detto...

@vale: e' qui!!! nel senso che se clicchi su "qui" entri nel sito di HORO!
prova ...
ciao, paola

Snezana ha detto...

Mamma mia(per citare abba:)) ma sarà costosissimo?!

M di MS ha detto...

Beh, questo incontro fortuito con la famiglia d'HORO è veramente cinemgatografico! Ma mi sembra di capire che lo sono tante cose del tuo blog, anche l'incontro con il Moschettiere...
Adesso vado subito a cliccare HORO che già mi piace dal nome.

Se ha detto...

che belli questi incontri...
io pendo sempre dalle tue labbra quando descrivi quella tua campagna fatta di terra e di tacchi a spillo, di armadi antichi e vestiti leggeri...c' è sempre energia e amore nei tuoi scritti,
condivido la visione di @Minerva su di te e la tua sull'Allende postUSA...
Un abbraccio.