giovedì 19 luglio 2012

Ieri sera. E stanotte.

Ieri sera, dopo doccia e cena, ero tutta profumata e spalmata sul divano con Francesco. Giocavamo a "trova le differenze" speluccando due vignette in cui Winnie de Pooh e Tigro saltellavano felici.
Questo fino a quando il Moschettiere, al rientro dal suo "giro animali", mi chiedeva di aiutarlo a mettere Geranio in macchina e a portarlo dal veterinario. Secondo lui non avrebbe superato la notte.

Mi sono cambiata, ho legato i capelli profumati di shampoo, ho affidato Francesco alla nonna e accompagnato il Moschettiere da un nuovo veterinario che ci è stato segnalato come esperto di ovini e caprini.
Belloccio, il tipo - anche se un po' bassino. Peccato che l' ambulatorio fosse sporco da dare la nausea e che lui puzzasse più di Geranio (a detta del Moschettiere, che gli si è avvicinato più di me).
Mentre loro due incaprettavano l' agnello, lo anestetizzavano (il Moschettiere ha dato 42 esami di veterinaria, ma questa è un' altra storia) e gli tagliavano ulteriormente la gola per capire i danni che i denti di Tosca avevano fatto all' interno, io sentivo di essere sul punto di svenire. Non so se perché a 50 cm da me c' era il collo squartato di una pecora (con tanto di vene, legamenti, nervi belli in vista) o se per l' insieme di sporco, puzza, sangue.
Purtroppo non è servito a nulla sedermi su una sedia. Ho davvero temuto di cadere spiaccicata su quel pavimento pieno di peli (di cui alcuni sporchi di sangue), insetti e terra. Così ho chiesto aiuto e una signora - credo parente del veterinario - mi ha portato fino al bagno, in un percorso che comprendeva il passaggio accanto ad un barbeque dove stavano cuocendo le salamelle e ad una serie di stalle o non so cosa che emanavano un odore insopportabile (soprattutto se si sta procedendo senza vedere nulla  e con terribili conati di vomito per la pressione bassa).
Alla fine me la sono cavata. Ho cominciato a sentirmi meglio.
Seduta sui gradini di quella casa, con le gambe ancora tremanti per lo sbalzo di pressione, ho pensato di essere una donna davvero molto singolare. Non tanto per aver lasciato con convinzione un appartamento di città climatizzato e completo di ogni comodità, ma per aver abbracciato con ancora più convinzione la vita di campagna e tutto quello che ne consegue (che non significa avere una casa in campagna in cui trascorrere i week-end, ma qualcosa di ben più profondo).

Al ritorno, in macchina, con Geranio che belava al Moschettiere, lui mi teneva la mano. A volte crede che certe cose siano scontate, altre volte so che si rende conto di tutto.
E poi stanotte. Stanotte è nato un bambino. Sono felice. Sono felice. Sono felice.
Non so quali cambiamenti ci saranno nell' immediato per tutti noi, ma so che mio figlio non sarà mai solo. Lo considero un grande, enorme regalo per lui, ma anche per me.
E in questi giorni in cui, ancora sopraffatta dai romanzi di Rebecca West, mi scopro a pensare alle cose con parole obsolete ed eleganti, rido tra me e me e sogno le frasi giuste per accogliere questo bambino che, insieme a suo fratello, è il giocatore più importante della nostra grande squadra.

32 commenti:

Gio ha detto...

Aspettavo questo post, lo aspettavo... ovviamente solo l'ultima parte! Come al solito ti abbraccio forte, virtualmente finchè non ti rivedremo
ciao cara, un bacione a franci e L.

annek ha detto...

<3
sei proprio dolcissima.
eh sì che per Francesco è il "regalo" più bello e importante...
auguri per tutto.

Pellegrina ha detto...

Molto carino che ti sia cambiata. Auguri a te, a Geranio, al neonato e una sculacciata - ma forte, eh! a Tosca. Comunque, diciamo che in campagna con animali non si rischia di annoiarsi.

bismama 2.0 ha detto...

Bellissimo!!

Silvia - Le cose di ogni giorno ha detto...

Penso a tutto il grande lavoro e il grande amore che c'è dietro la vostra "grande squadre". E tutto il lavoro su te stessa e tutto l'amore per Francesco nell'accogliere questo bambino come un grande dono.

Luisa ha detto...

Per quanto conosca in profondità tanti dettagli non finirai mai di stupirmi e non smetterò mai di credere, grazie a te, che tutto sia possibile, TUTTO, soprattutto quello che spesso ci troviamo a definire "io MAI un giorno...". E' un periodo che mi ritrovo ad essere fatalista, più del solito e a interpretare i segni evidenti della vita. Anche il nome L. non è un caso. Nulla arriva e succede per caso. LULAS

Emporio74 ha detto...

Mi piace tantissimo l'armonia della vostra grande squadra (che ho avuto il piacere di percepire quando ci siamo incontrate). Sono felice per te e per Francy. Godetevi questi momenti meravigliosi. Un bacione!

PaolaFrancy ha detto...

grazie per aver lasciato un vostro pensiero per quest post, così importante per me.

@luisa: ti rendi conto di quello che hai scritto? E' una cosa enorme! Non è grazie a me che ora sai che non bisogna dire "MAI"... ;)

carpina ha detto...

... sono l'unica a non aver capito chi è nato stanotte...

ferga ha detto...

Sono davvero ammirata per il tuo modo di affrontare con gioia una situazione che io invece non ho ancora metabolizzato...te l'ho già detto in altre occasioni, hai doti che non ho!
Ti ammiro.
Anna

franci e vale ha detto...

Si ti ammiro anch'io Paola, davvero tanto e ti voglio bene, anche se in realtà non ti conosco.
Ammiro la vostra grande famiglia e so che molto è merito tuo.
Un bacio grande a tutti quanti e soprattutto al piccolo nuovo arrivo!
ciao, Franci

Zia Atena ha detto...

Che dire...un bimbo che nasce, un fratello è una cosa grandissima...ma non è da tutte essere in grado di riconoscerlo "nonostante tutto"..
Ma tu sei speciale..e l'avevamo capito..

Auguri a voi...!

Marta ha detto...

grazie per averci dimostrato che l'amore va al di là delle regole e delle normalità.

Elisa Stocco ha detto...

Auguri al nuovo nato!

mammadifilippo ha detto...

un grandissimo regalo lo fai tu a Francesco insegnandogli a leggere la vita con i tuoi occhi puri. Che bell'esempio!

PaolaFrancy ha detto...

grazie mille a tutte.
è difficile far capire quanto è importante questo spazio per me, a chi non approva.
e anche se continuerò a non saperlo spiegare, anche questa pagina della mia vita condivisa con chi ha voglia di leggermi e di scrivermi mi rimarrà dentro e mi farà stare bene.
leggere che qualcuno mi vuole bene pur non conoscendomi mi fa commuovere (ma anche pensare....se mi conoscesse forse non mi vorrebbe così bene! :DDD)

grazie ancora,
un abbraccio,
paola

Cappuccio e Cornetto ha detto...

Commossa. Perché le grandi squadre sono la mia origine e so quanto amore c'è dietro, quanto amore scelto ogni giorno, di testa e di pancia. Alla faccia di sopracciglia corrucciate e frasi a mezza bocca. Quindi viva chi nasce, chi fa nascere, chi fa crescere e chi cura!!!
grazie per aver condiviso con noi!

pollywantsacracker ha detto...

Cara,
scusa l'assenza (per la cronaca: ho cominciato questo commento un'ora fa).
Non so, sono contenta per Franci e anche un po' malinconica, perché così mi sentirei al tuo posto. Sei brava, comunque. Io, l'altra, non la prendo bene. Ma neanch'io dico mai. E intuisco come si chiama il nanerottolo.
Abbraccio forte.
V

Chiara ha detto...

Io penso che non sia un caso neanche aver incontrato te, in questo momento della mia vita. Credo che sei una delle poche che può davvero capire come mi sento in questo momento. Come dice Luisa, bisogna credere che TUTTO è possibile. Cerco di far tesoro della tua esperienza e della tua amicizia.

Pellegrina ha detto...

Confesso che non avevo capito nemeno io che pancia fosse quella infiocchettata. Penso che per un figlio si faccia questo e altro e mi ricordo la malinconia e le lacrime di cui scrivevi la notte dopo il primo compleanno di Francesco passato in famiglia allargata. Ti auguro di essere amata sempre come meriti. Ciao.

Ladybug ha detto...

Mi incuriosisce pensare a come e a quando ci siamo "conosciute" e vedere che praticamente nello stesso momento stiamo vivendo esperienze molto simili...sei brava Paola! E sono sicura che il tuo bimbo crescerà sereno e felice, con un bel fratellinoi accanto!
Un abbraccio

apinaperniciosa ha detto...

Sei una grande donna. Ecco, il pensiero della tua famiglia io me lo voglio portare bene bene incollato in testa, perché mi fa sperare. Non ce ne sono molte come te. Davvero grande mamma.

PaolaFrancy ha detto...

mi mettete in soggezione...
per ora vi dico grazie. non per i complimenti (esagerati), ma per il sostegno.
grazie davvero.
paola

minerva ha detto...

Certo che tu non ti annoi mai e mai ti annoierai. Hai una famiglia e delle persone stupende che ti circondano, e coi tuoi post le rendi uniche.
Basta, per una volta non ho nient'altro da dire e sto zitta.

PaolaFrancy ha detto...

grazie minerva, mi basta e avanza quello che mi hai scritto. basta e avanza di molto...

grazie 1000,
paola

Anonimo ha detto...

lascio anche il mio commento, e scusami se lo faccio per la primissima volta ad un post così... personale. ogni tanto mi capita di passare di qui e leggerti perchè trovo tu sia una donna davvero molto tosta. Termine riduttivo forse, ma credimi, lo intendo in una accezione totalmente positiva. Hai fatto scelte che mi piacerebbe anche solo avere il coraggio di immaginare (certo con vissuti diversi) ma accidenti: che meraviglia leggere quello che hai scritto. Mi ha emozionato.
Aporia

PaolaFrancy ha detto...

@aporia: sono una persona molto fragile e insicura. ma sono talmente curiosa, impaziente, passionale che raramente sono riuscita ad agire il modo totalmente razionale. e quelle poche volte sono andata nella direzione sbagliata.
per questo, quando davvero sento di dover scegliere, istintivamente, una strada, io lo faccio.
e poi soffro, sto male, ho paura. ma alla fine sono sempre contenta di essermi fidata del mio istinto. a lui devo molto.
grazie per il tuo commento,
paola

Francesca ha detto...

Che bello, Paola. Nella vita non esiste mai una fine, bensì sempre nuovi inizi. Eccone uno in arrivo, nel tuo piccolo paradiso di pace, amore, animali e fiori. Io lo immagino cosi. Ora vado proprio a dormire, felice. Sei davvero una poesia di donna.

Gallinavecchia ha detto...

Un benvenuto di cuore al nuovo membro della vostra bellissima squadra.
Sono molto felice per Francesco, davvero :)

Elenilla ha detto...

ciao, ti seguo da poco e ho letto quasi tutti i tuoi post insieme...questo in particolare non me lo aspettavo...perchè della gravidanza non hai fatto molti cenni...come sta il piccolino?

PaolaFrancy ha detto...

@elenilla: ciao! il bambino che è nato è il fratello di francesco ma non l' ho partorito io, bensì la compagna del mio ex-marito, il papà di francesco ;)
per questo non ho parlato della gravidanza :)

ciao! paola

Elenilla ha detto...

WOW !! Grazie per avermi risposto, non nascondo che ero molto molto curiosa di risolvere quello che per me era ormai diventato ...un MISTERO!! E sono sollevata nel sapere che non ci sono problemi di salute!! Un bacino al nuovo arrivato!!